Il filo dello yoga

Amo lo yoga e lo pratico da tanto tempo. Lo studio e continuo ad essere affascinato da quanto sia capace di arricchire le vite delle persone che lo praticano. Amo insegnare perché insegnando imparo dai miei allievi, un dono per il quale ringrazio ogni giorno.

Il più grande augurio che posso fare ai miei allievi è trovare la determinazione a perseguire il cammino che alimenta il fuoco interiore e accende la forza di volontà di una ricerca profonda, l’ardore, la pazienza e la piena intenzione di raggiungere lo scopo di un risveglio interiore, supportata dal giusto fervore per percorrere il sentiero che conduce alla realizzazione e alla vera libertà per essere semplicemente stessi.

Immergiti nel sentire, non c’è nulla da fare. Solo osservare quello che è già presente. È un caderesi dentro, lasciarsi respirare. Soggetto e oggetto si fondono. La distanza tra chi sente e ciò che è sentito svanisce. Non c’è più una separazione tra il soggetto e l’oggetto. E allora scompare colui che sente, scompare ciò che è sentito. Rimane il sentire, l’ascolto del nostro silenzio interiore.

Per quale motivo pratichiamo yoga? Pratichiamo per trasformare uno stato di dispersione in uno stato di equilibrio e di concentrazione interiore. Lo stato di dispersione nel quale viviamo è all’origine delle nostre difficoltà di vivere. Lo stato di equilibrio e di concentrazione interiore opererà in noi un cambiamento profondo 💜

Lo Yoga, un rituale sacro, un dialogo tra sé e sé, una danza leggera, attraverso il corpo, al ritmo del respiro, verso la meditazione, dalla periferia al centro, dove, il testimone osserva, senza giudizio, semplicemente restando in ascolto del proprio silenzio. Qui, ora.

Lo scopo dello yoga non è piegarsi in due, mettersi sulla testa o diventare più buoni, ma è un mezzo di conoscenza che attiva processi di consapevolezza di Sé, ci aiuta a a rimanere presenti, a stare con i nostri pensieri, stare con le emozioni che ci attraversano, facendo un passo indietro, semplicemente osservando, senza giudizio, tornando al momento presente, rallentare attraverso il corpo al ritmo lento del respiro, qui, ora…

Questo è il filo dello yoga 💜